Adolescenti: l’impatto positivo dell’attività fisica sulla resa scolastica 28 ottobre 2013

adolescenti
Uno studio condotto da un team di psicologi dell’University of Dundee dimostra che gli adolescenti che praticano attività fisica di intensità da moderata a intensa hanno una resa scolastica migliore, e che per le ragazze il miglioramento è più sensibile nelle materie scientifiche.

Per arrivare a queste conclusioni, sono stati analizzati i dati relativi a un campione rappresentativo di quasi cinquemila giovani che erano stati inclusi nell’Alspac (Avon Longitudinal Study of Parents and Children), un trial che dagli anni ’90 ha monitorato la salute a lungo termine di circa 14mila bambini nati in Gran Bretagna nel 1991-92; i dati sono stati incrociati con i giudizi ottenuti dai ragazzi all’età di 11, 13 e 16 anni in diverse materie scolastiche: inglese, matematica e scienze.

Tenuto conto delle variabili che possono confondere i risultati, dall’analisi dei dati è emerso che i risultati scolastici migliori, in tutte e tre le materie prese in considerazione, erano stati ottenuti dai ragazzi che avevano praticato più attività fisica, e che questa, per le ragazze, aveva dato risultati particolarmente efficaci nelle materie scientifiche.

Il collegamento fra resa scolastica e intensità dell’esercizio fisico è emerso anche dalle valutazioni ottenute dai giovani al Gcse (General Certificate of Secondary Education, un titolo rilasciato intorno ai 16 anni): all’aumento della durata dell’attività fisica giornaliera è corrisposto un aumento delle valutazioni, ogni 17 minuti in più per i maschi, e ogni 12 per le femmine.

Josephine Booth della Scuola di Psicologia dell’ateneo scozzese, e primo autore dello studio, spiega: «La durata e l’intensità dei livelli quotidiani di attività sono stati misurati per periodi da tre a sette giorni, utilizzando un accelerometro. I miglioramenti sono stati osservati nel lungo termine, con risultati che indicano un effetto dose-risposta; in altre parole, più intenso è l’esercizio, maggiore è l’impatto sui risultati.

Il collegamento potrebbe essere casuale, ma meriterebbe comunque studi successivi, perché potrebbe riflettere differenze di genere nell’impatto dell’attività fisica sulle funzioni cerebrali. E se i dati fossero confermati, potrebbero avere effetti sia sulla salute pubblica, sia sulle politiche relative all’istruzione».
Lo studio è stato pubblicato sul Bjsm, British Journal of Sports Medicine.

 

Fonte
JN Booth, SD Leary et al – Associations between objectively measured physical activity and academic attainment in adolescents from a UK cohortBritish Journal of Sports Medicine Online First

 

Risorse correlate
Sezione Movimento »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *