Anche il glucagone con l’insulina contro il diabete di tipo 2 12 aprile 2012

La rivista Cell Metabolism ha pubblicato una ricerca statunitense secondo cui il glucagone potrebbe aiutare nella cura del diabete, accanto all’insulina.
Il glucagone è un ormone secreto dal pancreas coinvolto nei meccanismi di regolazione della glicemia, insieme all’insulina di cui è antagonista; ha il compito di controllare che i livelli di glucosio nel sangue si mantengano nei limiti: se scendono, viene rilasciato glucosio nel sangue.
Spiega il coordinatore della ricerca, Richard J. Stock: « Abbiamo sperimentato che l’azione sul glucagone è molto efficace nel ridurre la glicemia. Anche quando la malattia è ben controllata, la maggior parte dei pazienti con il diabete di tipo 2 presentano un eccesso di attività del glucagone; inibire la sua attività potrebbe essere un nuovo modo per abbassare lo zucchero nel sangue e curare meglio la malattia. Sebbene il glucagone sia tato scoperto nello stesso periodo dell’insulina, la ricerca su questo ormone è stata carente, a differenza di quella effettuata sull’insulina».

Dopo decenni in cui il diabete di tipo 2 è stato trattato solo con l’insulina, la nuova ricerca americana offre ora nuove e più sicure prospettive di cura, grazie alla possibilità di inibire l’effetto del glucagone sul glucosio, senza impedire le altre funzioni dell’ormone.
La ripresa della ricerca sul glucagone è stata stimolata in anni recenti dal successo clinico delle incretine (INtestine SeCREtion INsulin), nuovi farmaci per la cura del diabete di tipo 2 che stimolano la secrezione di insulina; secondo le nuove ricerche infatti, il successo delle incretine sarebbe da attribuire agli effetti inibitori sulla secrezione di glucagone, finora sconosciuti.
Lo studio è stato condotto da una squadra di ricercatori della University of Texas.

Fonte:
Stock RJ, Cell Metabolism, 12 aprile 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *