Dipendenze da fumo, alcol, cibo: un auto-aiuto on-line 4 gennaio 2012

Un progetto norvegese, Changetech, offre aiuti a chi vuole curare la propria dipendenza o abbia difficoltà psicologiche, come la depressione post-partum, o abbia necessità di essere aiutato nella gestione del diabete o dell’Hiv, o che non riesca a gestire lo stress, o che abbia altre varie problematiche.
Il progetto, che è basato sui meccanismi della psicoterapia ma senza la presenza del terapeuta, è finanziato dal Programme for User-driven Research-based Innovation del Research Council della Norvegia.
Pål Kraft, responsabile medico del progetto, spiega: «Abbiamo raccolto le esperienze maturate in oltre cinquant’anni di psicoterapie, vagliate, e dall’efficacia dimostrata da innumerevoli ricerche scientifiche; quindi abbiamo selezionato gli elementi di terapia che riteniamo possibile veicolare in forma digitale.
Il paziente non incontra mai un terapeuta in carne e ossa ma segue il programma attraverso sedute che può fare quando vuole su computer, tablet o smatphone; tutto è perciò estremamente accessibile e facile per il paziente, che ha inoltre il vantaggio di un totale anonimato: in alcune situazioni, infatti, le persone non vogliono condividere i loro problemi perché se ne vergognano.
Tutti gli studi che abbiamo condotto sono incoraggianti. Credo che il motivo principale dell’efficacia di questo approccio sia la sua interattività: anche se non c’è una persona in carne e ossa a cui fare riferimento, il paziente è molto coinvolto nel processo terapeutico e attivo in prima persona. Anche il fatto che i programmi durino mediamente di più rispetto ai cicli terapeutici classici è un vantaggio perché con l’auto-aiuto sul web, per esempio, per modificare le abitudini al consumo dell’alcol prevediamo una fase attiva di quasi due mesi, seguiti da un anno di consolidamento dei risultati. Molti dei programmi tradizionali non durano così a lungo».
Il dibattito sull’efficacia delle cure via web è in corso in tutto il mondo.

Fonte: 4 gennaio 2011,  corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *