Diversione biliopancreatica con conservazione dello stomaco 21 gennaio 2012

La diversione biliopancreatica con duodenal switch (inversione del duodeno) è una variante della tecnica tradizionale di Scopinaro. Differisce da quest’ultima in quanto la resezione dello stomaco non è orizzontale ma verticale (secondo la tecnica della Sleeve Gastrectomy), conserva il piloro (sfintere tra stomaco e intestino) e i primi centimetri del duodeno (primo tratto dell’intestino).
Anche la diversione con duodenal switch fonda il proprio meccanismo d’azione sull’assorbimento ridotto degli alimenti, in particolare di grassi e farinacei che sono i maggiori imputati calorici della nostra dieta. Anche la porzione ridotta di stomaco residuo determina una minima quota di restrizione gastrica.

 

PERDITA DI PESO: Circa il 65-75% del peso in eccesso con ampia variabilità di risultati nel lungo periodo

 

Differenze con la diversione biliopancreatica di Scopinaro

  • In questa variante lo stomaco viene sezionato verticalmente e tubulizzato (incisione verticale parziale della Sleeve Gastrectomy).
  • Il piloro e la primissima parte del duodeno vengono conservate. In questo modo si consente un maggiore assorbimento di sostanze come calcio e ferro che avviene normalmente a livello duodenale.
  • Il canale comune dove si connettono il canale alimentare e quello biliopancreatico viene tendenzialmente lasciato più lungo (circa 100 cm dalla valvola ileo-ciecale).


Avvertenze

  • La persona operata deve essere costantemente monitorata per prevenire eventuali carenze nutrizionali gravi che richiedono quindi la collaborazione del soggetto per l’assunzione regolare di supplementazioni (ferro, calcio, vitamine) e per la regolazione dell’introito di zuccheri semplici soprattutto nei casi in cui si tenda – dopo l’intervento– a stabilizzarsi ad un peso maggiore o inferiore a quello desiderato.

Vantaggi, svantaggi e possibili complicanze a breve e lungo termine sono sovrapponibili a quelle della diversione biliopancreatica di Scopinaro.

Fonti:
Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e delle malattie metaboliche, Consenso Informato;
Capizzi D, Capizzi FD – Obesità e chirurgia, CG Edizioni Medico Scientifiche, Torino 2011;
Biglia M – Il peso irragionevole, Associazione Insieme Amici Obesi No Profit, aprile 2010