Quali sono i fattori o le cause che possono scatenare la psoriasi? 10 luglio 2015

La psoriasi è determinata da diversi fattori concomitanti (malattia cronica polifattoriale) con una forte predisposizione genetica associata a fattori immunologici e ambientali come le infezioni e altri che possono svolgere un ruolo importante nella manifestazione della malattia.

L’eziologia della psoriasi non è ancora del tutto nota, ma diversi possono essere anche i fattori di rischio o scatenanti che concorrono al suo sviluppo.

 
POSSIBILI FATTORI DI RISCHIO
• Predisposizione genetica
Circa un terzo dei soggetti con psoriasi hanno almeno un familiare di primo grado (genitori, fratelli o sorelle) affetto da tale malattia.

 
—• Infezioni
Le infezioni, sia batteriche sia virali, specialmente quelle dovute allo streptococco beta-emolitico che provoca mal di gola e tonsillite, possono alcune volte evolversi in psoriasi per un’eccessiva risposta del sistema immunitario soprattutto nei soggetti predisposti.

 
—•  Alcuni stili di vita
Scegliere uno stile di vita sano dipende soprattutto da noi. Pochi, ma molto importanti sono i fattori che contribuiscono a mantenere a lungo la propria salute fisica e mentale.

  1. Controllare periodicamente il colesterolo e gli altri grassi nel sangue
  2. Ridurre gli zuccheri
  3. Mantenere una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura
  4. Limitare gli alcolici
  5. Controllare regolarmente il peso cercando di mantenerlo nei limiti di normalità
  6. Smettere di fumare
  7. Controllare regolarmente la pressione del sangue
  8. Mantenersi sempre attivo

 

—•  Presenza di altre malattie
Una stretta correlazione è stata osservata tra psoriasi e problemi di tipo metabolico (per es: diabete di tipo 1, carenza di calcio nel sangue), colite ulcerosa, morbo di Crohn e altri. La carenza di calcio nel sangue (ipocalcemia) ad esempio può peggiorare la psoriasi in alcuni soggetti, in particolare con psoriasi pustolosa.

 
POSSIBILI FATTORI CHE SCATENANO O PEGGIORANO LA PSORIASI

—•  Traumi locali/irritazioni**
• 
— Lesioni cutanee e cicatrici chirurgiche**
• 
— Scottature/ustioni anche solari**
• 
— Alcuni trattamenti farmacologici (reazioni allergiche, farmaci per uso locale (topico), repentina interruzione di alcune terapie in corso, per esempio con: sali di litio, alcuni beta-bloccanti, interferone, alcuni ace-inibitori, cortisone e derivati, antimalarici di sintesi).
• — Alterazioni di tipo ormonale (pubertà o menopausa)
Stress prolungati e intensi (lo stress gioca un ruolo importante nelle dinamiche di controllo delle funzioni del sistema immunitario la cui alterazione è l’elemento chiave della genesi della malattia. Si calcola che oltre il 60% dei soggetti psoriasici consideri lo stress come un fattore scatenante della malattia).

 

** Il fenomeno di Koebner
I traumi di tipo fisico (punture di insetti, escoriazioni, grattamenti, tatuaggi, ferite etc), le ustioni di tutti i tipi, anche solari, le cicatrici chirurgiche possono portare nelle persone predisposte – anche a distanza di tempo – alla comparsa di lesioni psoriasiche, esattamente nelle sedi interessate dal traumatismo. Questo fenomeno è noto come “fenomeno di Koebner” dal nome del suo scopritore: il medico tedesco Heinrich Koebner. Gli interventi chirurgici in particolare, per il trauma fisico, lo stress emotivo e l’impiego di farmaci particolari (anestetici, antibiotici, antinfiammatori, ecc) possono comportare un peggioramento delle condizioni cutanee. Riguardo la necessità di sospensione pre-operatoria dei farmaci anti-psoriasici in atto non ci sono regole precise, va infatti effettuata un’attenta valutazione da parte del dermatologo, in base al tipo di intervento, la gravità della psoriasi e l’eventuale presenza di altre malattie.

 

 

Fonti
– Smith CH, Barker JNWN – Psoriasis and its management. BMJ 2006; 333: 380-4 Langley RGB et al – Psoriasis: epidemiology, clinical features and quality of life. Ann Rheum Dis 2005; 64 (Suppl II): ii18-ii23
– Fassino M, Burroni AG – La psoriasis: un male antico. Viaggio nella malattia della pelle. Fratelli Frilli Ed, 2010