Gli impiegati italiani mangiano troppo fuoripasto 9 agosto 2012

Una ricerca condotta su circa 5.000 impiegati di Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Spagna ha rilevato che il paese dove è più frequente il consumo di fuoripasto è la Gran Bretagna, seguita dalla Francia e poi dall’Italia; la ricerca era finalizzata allo studio dei livelli di stress fra i lavoratori e alla rilevazione delle tendenze al consumo di snack fuoripasto.
Gli Italiani sono i meno stressati, nonostante la crisi li colpisca in modo pesante, ma sono le donne a essere più frequentemente vittime dello stress, e questo si riflette sui loro consumi alimentari, invogliandole a frequenti spuntini fuoripasto poco salutari.
Secondo i risultati dell’indagine, che è stata realizzata dalla Scuola di Scienze Biomediche dell’Irlanda del Nord e coordinata da Barbara Setwart-Knox, il cibo, in particolare quello meno sano, compenserebbe il disagio lavorativo; i frequenti spuntini a base di dolci o quelli salati ricchi di grassi o le bevande zuccherate, che si consumano a causa dello stress, sono anche legati alle difficoltà nell’addormentarsi: due persone su tre, fra quelle che hanno tensioni sul lavoro e si consolano con i fuoripasto, soffrono d’insonnia, impiegando mediamente almeno un’ora per addormentarsi.
Solo un Italiano su tre, fra quelli che hanno l’abitudine di mangiare fuori pasto, sceglie cibo sano come la frutta o lo yogurt, soprattutto quando sono sul posto di lavoro, mentre la maggioranza preferisce gli snack poco sani, come cioccolato, patatine o biscotti; già dalla prima colazione gli Italiani esagerano con il cibo: nel 32% dei casi la fanno al bar con dolci ipercalorici come cornetti e torte.
Anche le persone che seguono ai pasti principali una dieta equilibrata, non resistono alla tentazione dei fuoripasto, vanificando così gli sforzi per seguire un’alimentazione sana: quasi una su tre consuma cibo poco sano come antipasto o come dessert, e queste calorie si aggiungono a quelle di pranzo e cena.

 

Fonte:
La Redazione, 9 agosto 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *