Densitometria a doppio raggio X

La densitometria a doppio raggio X o assorbimetria a raggi X a doppia energia (DEXA dall’inglese Dual Energy X-Ray Absoptiometry) è uno strumento diagnostico capace di misurare direttamente il peso e la percentuale della massa magra e della massa grassa nei vari distretti corporei. La conoscenza di questi valori consente di determinare le zone di accumulo di grasso e di monitorare nel tempo le variazioni della composizione corporea. La DEXA permette anche di valutare in modo selettivo lo stato di mineralizzazione ossea.

La DEXA sfrutta il principio dell’attenuazione differenziale di un fascio di raggi X, a due livelli differenti di energia, al passaggio attraverso i vari tessuti. Questa attenuazione viene registrata e si correla alla composizione corporea della persona sotto esame. Dal punto di vista delle radiazioni, l’esame è privo di rischi: la dose di radiazione per singolo esame è davvero minima (1 mRem) e consente di ripeterlo a distanza di tempo.

Al pari della TAC e dell’MRI (Magnetic Resonance Imaging), anche la DEXA è una tecnica molto costosa e meno accessibile rispetto alla bioimpedenziometria. Viene utilizzata soprattutto per valutare la densità ossea (prevenzione e diagnosi di osteoporosi) e anche nella valutazione dello stato nutrizionale dell’atleta, grazie alla sua elevata precisione.