Emoglobina glicosilata (HbA1c)

L’emoglobina glicata o Emoglobina glicosilata (HbA1c),  è un ottimo indicatore clinico del controllo del diabete di tipo 2. Per i diabetologi e gli operatori sanitari l’emoglobina glicata rappresenta il valore che riassume la qualità del controllo della glicemia di una persona diabetica. Il tuo valore di HbA1c permette al tuo medico di valutare con sicurezza “come è andato il tuo diabete negli ultimi 2-3 mesi”, se è stato ben compensato o meno, la qualità di questo compenso fra una misurazione della glicemia e l’altra. Infatti, quando nel sangue si accumula troppo zucchero, l’emoglobina contenuta nei globuli rossi si lega agli zuccheri presenti in modo stabile.
Più frequenti e gravi sono stati gli episodi di iperglicemia avvenuti nelle settimane precedenti all’analisi, maggiore sarà la percentuale di emoglobina legata al glucosio (e per questo detta “glicata” o “glicosilata”).
Gli studi clinici più recenti hanno dimostrato che una riduzione del valore dell’HbA1c può ritardare o prevenire in modo significativo lo sviluppo di complicanze agli occhi, ai reni, ai nervi, al cuore e ai vasi delle persone affette da diabete di tipo 2. La salute di una persona diabetica si mantiene più elevata con il diminuire dei valori dell’HbA1c.
Tutti coloro che hanno il diabete di tipo 2 dovrebbero fare il test almeno due volte all’anno. In particolare, chi ha un diabete mal compensato, ovvero con livelli di glicemia che tendono a rimanere alti, dovrebbe ripetere l’esame almeno ogni 3 mesi. L’esame è semplice, rapido (pochi minuti) e indolore: viene eseguito su un campione di sangue capillare prelevato dal dito oppure da un campione di sangue venoso (prelievo dal braccio).
In genere, valori costantemente inferiori al 7 % sono considerati indice di un buon controllo nel tempo della glicemia.
Gli studi più recenti hanno dimostrato che le persone che riescono a mantenere i loro livelli di HbA1c entro il 7% hanno molte possibilità in più di ritardare o prevenire i problemi derivanti dal diabete rispetto alle persone con un livello di HbA1c pari o superiore all’8%.
Se scopri che la tua emoglobina glicata si mantiene alta, il tuo medico dovrà ricercare insieme a te le possibili cause, che sono spesso riconducibili a: pasti eccessivamente abbondanti o ricchi di cibi sbagliati, sedentarietà, stress prolungato, necessità di cambiare terapia antidiabetica, infezioni o malattie in corso.
Una volta individuata la causa, il tuo medico potrà decidere se e come modificare il tuo programma di trattamento in modo da riportare l’HbA1c a valori ottimali (≤ 7%).