Gravi ma sottovalutate le malattie della pelle 9 novembre 2013

pelleNonostante colpiscano frequentemente, e l’Icd-10 (la classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati) ne abbia identificate oltre un migliaio, le patologie cutanee non sono tenute nella dovuta considerazione dai Servizi sanitari nazionali.
Grazie al Global Burden of Disease Study 2010, sono ora disponibili tutte le informazioni sulle stime della prevalenza, incidenza, disabilità e mortalità di oltre 261 patologie, quindi anche di quelle della pelle, in 187 paesi.

Un’équipe dell’International Foundation for Dermatology, attraverso uno studio di revisione ha stilato un elenco della malattie cutanee più diffuse al mondo, da cui risulta che queste patologie, prese nel loro insieme, costituiscono una delle cause principali di disabilità, e la quarta causa globale di malattie non fatali, e pesano in modo grave sui costi sanitari di tutti i paesi; nelle prime dieci compaiono l’acne, le micosi, gli eczemi, l’impetigine, la scabbia e il mollusco contagioso, un’infezione virale che colpisce in particolare i bambini.

Roderick Hay, del Dipartimento di Dermatologia dell’organizzazione britannica, che ha coordinato la ricerca, spiega: «Quelle cutanee, sono tra le malattie più comuni del genere umano; pervadono tutte le culture, colpiscono fra il 30 e il 70% di adulti e bambini di tutte le età, con tassi ancora più alti nelle sottopopolazioni a rischio, e con effetti nocivi sulla salute, che vanno da un semplice fastidio alla morte, come nel caso del melanoma. Le stime, valutate sulla gravità dei postumi di malattia e sul contributo alla perdita della salute, forniscono informazioni chiave per gli organismi globali o le istituzioni nazionali e regionali, individuando necessità e informando la politica su come allocare le risorse in modo razionale. Nel nostro studio abbiamo analizzato 15 comuni disturbi della pelle: eczema, psoriasi, acne, prurito, alopecia, ulcere da decubito, orticaria, scabbia, micosi, impetigine, ascessi, cellulite, verruche, mollusco contagioso, cancro della pelle, concludendo che è necessario includere con urgenza la prevenzione e la cura delle malattie della pelle nelle future strategie sanitarie mondiali».

 

Fonte
Roderick J Hay et al – The Global Burden of Skin Disease in 2010: An Analysis of the Prevalence and Impact of Skin ConditionsJournal of Investigative Dermatology 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *