Ipotiroidismo e obesità: quale la causa e quale l’effetto 7 febbraio 2014

Ipotiroidismo e obesità: quale la causa e quale l’effetto

Ipotiroidismo e obesità: quale la causa e quale l’effetto

Secondo i risultati di una ricerca della Fondazione Salvatore Maugeri di Pavia, l’ipotiroidismo non è la causa dell’obesità me ne è una conseguenza; già altri studi, nella ricerca delle possibili cause delle variazioni dell’assetto endocrino che possono portare all’obesità, oltre agli stili di vita sbagliati, avevano rilevato in molti obesi valori elevati di Tsh (tireotropina).

In due articoli, pubblicati sull’European Journal of Endocrinology e su Jcem (The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism), i ricercatori dell’UO di Medicina Interna ed Endocrinologia della Fondazione Maugeri, hanno dimostrato che nella maggior parte degli obesi l’aumento di Tsh non è la causa dell’eccesso di peso ma ne è una conseguenza, e che quindi non sono necessarie terapie ormonali sostitutive in quanto l’ipotiroidismo di molti obesi è soltanto apparente.

Sulla rivista Endocrine è apparso l’ultimo articolo, sulla verifica compiuta dagli studiosi italiani sull’assetto lipidico di 55 soggetti, gravemente obesi e con valori elevati di tireotropina; se i pazienti fossero stati ipotiroidei, anche i valori di colesterolo sarebbero dovuti essere elevati a causa dello squilibrio ormonale, ma è risultato il contrario, cioè gli obesi avevano livelli di colesterolo circolante più bassi rispetto ai pazienti normopeso, ma cui era stato diagnosticato un reale  ipotiroidismo.

Il coordinatore della ricerca, Luca Chiovato, spiega: «Lo studio dimostra che la misurazione del colesterolo in un obeso diventa uno strumento utile per diagnosticare la presenza di un ipotiroidismo vero, evitando che molti obesi siano trattati con ormoni tiroidei senza necessità».
L’obesità è ormai diventata un’epidemia mondiale; è sovrappeso un Italiano su tre e quasi uno su dieci è obeso.

 

Fonte
Mario Rotondi – Raised serum TSH in morbid-obese and non-obese patients: effect on the circulating lipid profileEndocrine, February 2014; 45(1): 92-7

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *