Il progetto creativo

8 luglio 2012

Il progetto creativo della campagna si pone l’obiettivo di comunicare il concetto / concept “obesità=malattia”.

A parlare sono gli stessi protagonisti che, in prima persona, consapevoli del loro stato psico-fisico, dichiarano una decisa volontà di cambiamento. Una scelta di vita. Le tre immagini impiegate sono didascaliche e sicuramente evocative di una fisicità compromessa. Si vuole focalizzare un momento intimo di riflessione e presa di coscienza.

Il claimCambio vita” esprime la volontà inderogabile di superare una condizione limitante e a rischio, giocando sull’ampiezza di senso della parola “vita”. Il volto è volutamente celato in modo da rendere quel corpo, quella vita “il corpo e la vita di tutti”.
Il payoffL’obesità è una malattia da cui si può guarire” ribadisce il concept della campagna e indica una possibile via d’uscita, in modo attendibile e senza false promesse. Dalla scelta dei toni fino a quella delle immagini il filo conduttore è la volontà di voler vivere una vita piena. Una vita non più caratterizzata dal peso della malattia, che parta dalla presa di coscienza del disagio per arrivare alla scelta di un corpo e di una vita “ sostenibile”: una vita su misura.

www.unavitasumisura.it firma la campagna e si fa mediatore autorevole tra l’obeso e il proprio corpo. È il punto di arrivo obbligato per chi vuole approfondire l’argomento e avere strumenti utili per iniziare un percorso di cambiamento e guarigione. Perché l’obesità è una malattia da cui si può guarire.

Il logotipo della campagna nella sua semplicità formale comunica in primis il sito www.unavitasumisura.it, fondamentale protagonista dell’iniziativa. La sua forma vuole evocare e simbolizzare da un lato la fisicità del concetto di vita e di misura/eccedenza e dall’altro un punto fermo, un punto di partenza ma anche di arrivo, dal quale non si può prescindere, un bersaglio, un obiettivo da centrare.

 

La campagna multisoggetto “Una Vita Su Misura”