Speciali UVSM

La ricetta “Venere e Nettuno” della chef Nicoletta Lanci 18 febbraio 2016

A conclusione dell’incontro “LIBERÀTI DA UN PESO” svoltosi a Viterbo il 30 gennaio 2016, la personal chef Nicoletta Lanci ha preparato una ricetta gustosa e ben equilibrata: “Venere e Nettuno”, facile da riprodurre a casa propria sia per una cena con amici sia come pranzo veloce, anche da portare facilmente in ufficio.

 

La ricetta “Venere e Nettuno” della chef Nicoletta Lanci

VENERE E NETTUNO
Insalata di riso venere con salmone, robiola e lamponi

 

INGREDIENTI PER 2 PORZIONI

  • —PER IL RISO
    100 gr di riso Venere
    80 gr di salmone affumicato
    2 ravanelli
    1 cucchiaio di capperi sotto sale

 

  • —PER LA VINAIGRETTE
    ½ baccello di vaniglia
    q.b. aceto di lamponi
    q.b. di olio extra vergine di oliva
    q.b. pepe di Sichuan

 

  • —PER IL PESTO LEGGERO DI RUCOLA
    1 manciata di rucola
    1 cucchiaio di pinoli
    q.b. di olio extra vergine di oliva
    q.b. di sale

 

  • —PER LA FINITURA
    30 gr di robiola
    4/5 lamponi

 

PREPARAZIONE

IL RISO
In un pentolino versare l’acqua, portare a bollore, salare e versare il riso Venere, cuocere per 18 minuti c.ca, scolare, condire con un filo di olio e lasciar freddare.
Sciacquare i capperi e tenerli a bagno in poca acqua per dissalarli.

 

VINAIGRETTE
Versare in una ciotola l’olio e l’aceto di lamponi, emulsionare con una forchetta, condire con i capperi tritati, la vaniglia e il pepe di Sichuan.
Tagliare a pezzetti piccoli il salmone e condire con la vinaigrette, lasciar marinare per il tempo di cottura del riso.
Mondare i ravanelli e tagliarli a cubetti piccoli, tenere da parte.
Condire il riso con il salmone ed i ravanelli.

 

IL PESTO LEGGERO DI RUCOLA
Lavare la rucola, inserirla in un bicchiere da frullatore ad immersione, unire i pinoli, l’olio ed un pizzico di sale, frullare per ottenere un pesto leggero.

 

PER LA FINITURA
Servire in un barattolo trasparente ed ermetico, versando due cucchiai di pesto di rucola, il riso condito, qualche pezzetto di robiola ed i lamponi.

 

Curiosità

IL RISO VENERE
Il riso Venere nasce in Italia nel 1997 grazie all’opera del centro ricerche Sa.Pi.Se mediante un incrocio di due varietà, il riso nero asiatico e una varietà padana. Il riso nero nasce in Cina molti secoli fa. Per la scarsa produzione dovuta a problemi di coltivazione viene riservato solo alla tavola dell’Imperatore ed alla sua corte.
Un riso prezioso anche per le sue doti nutrizionali; è ricco di proteine e sali minerali come manganese, ferro e selenio.
Inoltre la leggenda narra che l’Imperatore lo mangiasse anche per le sue doti afrodisiache.
Il riso Venere ha un chicco piccolo e profumato con un aroma che ricorda quello del pane appena sfornato.
E’ un riso integrale che non viene sottoposto a trattamenti, naturalmente scuro, color ebano è ricco di fibre e la sua digeribilità è altamente superiore a quella di altri cereali, è indicato nelle diete per diabetici grazie alla bassa dose glicemica.
Ha un contenuto di ferro 4 volte superiore ad altri risi e il doppio del selenio.
Ottimo antiossidante ritarda l’invecchiamento.
Le maggiori coltivazioni oggi sono nelle province di Vercelli e Novara.
Una porzione da 100 gr. equivale a 377 kcal.

 

 

ASCOLTA L’INTRODUZIONE E LA PREPARAZIONE DEL PIATTO DI NICOLETTA LANCI
Socia dell’Associazione “Diamole Peso”

1) L’introduzione alla ricetta di Nicoletta Lanci (Parte 1, durata 1.54 minuti)

Per scaricare il file audio direttamente clicca qui

2) La preparazione della ricetta “Venere e Nettuno” di Nicoletta Lanci (Parte 2, durata 31.46 minuti)

Per scaricare il file audio direttamente clicca qui

 

 

FOTO DALLA PREPARAZIONE

 01 liberati da un peso 02-a-liberati-da-un-peso
 02-liberati-da-un-peso  03-liberati-da-un-peso
 04-liberati-da-un-peso  05-liberati-da-un-peso
 06-liberati-da-un-peso  07-liberati-da-un-peso
 08-liberati-da-un-peso  09-liberati-da-un-peso
10-liberati-da-un-peso