Speciali UVSM

L’organo adiposo dialoga con gli altri organi 30 agosto 2017

Il tessuto adiposo (massa grassa) non è deputato solo allo stoccaggio o al rilascio di grasso disponibile per le attività che richiedono energia ma si comporta come un organo endocrino a tutti gli effetti, influenzando l’intero metabolismo corporeo e dialogando con gli altri organi, al pari di quelle ghiandole a secrezione interna, come tiroide o ipofisi, che nel nostro organismo producono messaggeri chimici attivi anche a distanza dal punto di origine, gli ormoni. Oltre ad ormoni (soprattutto leptina e adiponectina), l’organo adiposo rilascia fattori di crescita, enzimi e altre molecole, per lo più proteiche, chiamate complessivamente adipochine o adipocitochine, che agiscono sia localmente che a distanza. Proprio sulla funzione di questi mediatori biochimici e sulle loro potenzialità terapeutiche, si sta concentrando l’attenzione della ricerca clinica in questi anni per la lotta contro l’obesità.

 

Le adipochine hanno struttura e funzioni anche molto diverse tra loro e svolgono funzioni di tipo immunitario, fattori di crescita, proteine coinvolte nella regolazione della pressione sanguigna (angiotensinogeno), nell’omeostasi vascolare e molte altre.
Tra le adipochine prodotte sono comprese diverse molecole pro-infiammatorie, per esempio la resistina che favorisce l’insulino-resistenza e il TNF-a (Tumor Necrosis Factor-alfa). Quest’ultimo mediatore, oltre ad indurre anch’esso insulino-resistenza, influisce sui processi dell’aterosclerosi e sulle disfunzioni della parete dei vasi (endotelio). È un mediatore della risposta infiammatoria e la sua presenza risulta aumentata nelle persone con obesità. Altre molecole pro-infiammatorie sono l’interleuchina-6 e l’interleuchina-8 che favoriscono i processi aterosclerotici.

Una gran mole di letteratura dimostra un’importante associazione tra obesità e molecole spia (markers) di infiammazione. Quest’ultima è probabilmente sia una conseguenza dell’incremento di tessuto adiposo sia una concausa di sviluppo dell’obesità e delle sue complicanze (diabete di tipo 2, ipertensione, etc).

 

Le due adipochine più secrete dagli adipociti sono la leptina e la adiponectina. La leptina è un ormone che gioca un ruolo molto importante nella regolazione del metabolismo agendo principalmente a livello del sistema nervoso centrale dove è in grado di penetrare la barriera ematoencefalica e di legarsi alle membrane cellulari. I suoi livelli sono direttamente correlati con la quantità di massa grassa: agendo come molecola segnale per il cervello, in relazione ai depositi di grasso, è in grado di ridurre l’appetito, limitare l’assunzione di cibo e aumentare il consumo energetico dell’organismo. Sembra inoltre, agire a livello del sistema immunitario e della fertilità. È una molecola tutt’ora sotto esame.

L’adiponectina modula la sensibilità all’insulina; ha un’azione vasoprotettiva e antinfiammatoria. I suoi livelli – al contrario della leptina – sono inversamente correlati con la quantità di massa grassa: maggiore è la massa grassa, minore è la quantità di adiponectina rilasciata dal tessuto adiposo.

                                                                              

 

La figura rappresenta in modo semplificato e schematico alcune interazioni che legano l’organo adiposo con altri organi. A livello di cuore e vasi, l’aumento di massa grassa favorisce l’aterosclerosi e il rialzo dei valori pressori (ipertensione arteriosa); a livello dei muscoli, la sensibilità all’insulina è regolata dagli adipociti che alterano la funzione muscolare; a livello delle ossa, l’osteoporosi è associata a un aumento del grasso midollare che riduce sintesi di cellule del sangue (emopoiesi); l’elevata adiposità si correla con la crescita tumorale e la formazione di metastasi; i fluidi linfatici (milza) favoriscono l’accumulo di grasso, gli adipociti forniscono nutrienti ai linfonodi locali; a livello della cute, gli adipociti favoriscono la cicatrizzazione e regolano la crescita dei capelli.

 

Fonti

– Liping Luo and Meilian Liu – Adipose tissue in control of metabolismJournal of Endocrinology (2016) 231, R77–R99

– Srihari C. Sampath et al – Imaging of Brown Adipose Tissue: State of the Art. Radiology: Volume 280: Number 1—July 2016

– Sung Sik Cho, Jin Young Huh et al – Adipose Tissue Remodeling: its Role in energy Metabolism and Metabolic DisordersFrontiers in Endocrinology, April 2016 | Volume 7 | Article 30

 

– Matthias J Betz and Sven Enerbäck – Human Brown Adipose Tissue: What We Have Learned So FarDiabetes 2015;64:2352–2360

– Rodríguez Amaia et al – Revisiting the adipocyte: a model for integration of cytokine signaling in the regulation of energy metabolismAm J Physiol Endocrinol Metab 309: E691–E714, 2015

– Sawsan Elattar and Ande Satyanarayana – Can Brown Fat Win the Battle against White Fat? J Cell Physiol. 2015 October; 230(10): 2311–2317

– Shingo Kajimura et al – Brown and beige fat: Physiological roles beyond heat-generationCell Metab 2015 October 6; 22(4): 546–559

– Xiao-Rong Peng et al – Unlock the Thermogenic Potential of Adipose Tissue: Pharmacological Modulation and implications for Treatment of Diabetes and ObesityFrontiers in Endocrinology, November 2015 | Volume 6 | Article 174

– Cao H – Adipocytokines in obesity and metabolic diseaseJ Endocrinol 2014 Jan 8;220(2):T47-59

– Shingo Kajimura and Masayuki Saito – A New Era in Brown Adipose Tissue Biology: Molecular Control of Brown Fat Development and Energy Homeostasis. Annu Rev Physiol 2014 ; 76: 225–249

– Milos Mraz and Martin Haluzik – The role of adipose tissue immune cells in obesity and low-grade inflammationJournal of Endocrinology (2014) 222, R113–R127

– Rosen ED, Spiegelman BM – What we talk about when we talk about fatCell 2014 Jan 16;156(1-2):20-44

 

– Saito M – Human brown adipose tissue: regulation and anti-obesity potentialEndocrine Journal 2014, 61 (5), 409-416

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *