Maggiori difficoltà ad avere figli per chi è sovrappeso 17 settembre 2011

L’eccesso di peso può provocare la riduzione delle possibilità di procreare, sia per le donne che per gli uomini, e sia per le gravidanze naturali che per quelle con le tecniche di procreazione assistita: questo l’allarme lanciato nel corso del Congresso Nazionale Pro-Fert, organizzato dalla Società Italiana di Conservazione della Fertilità che si è tenuto a Desenzano del Garda.
Andrea Borini, presidente di Pro-Fert e program director del congresso spiega: «Nelle persone obese i trattamenti di procreazione assistita risultano più complessi: nelle donne, per esempio, occorrono dosaggi più elevati degli ormoni che inducono l’ovulazione, e già sappiamo che il loro effetto sarà ridotto proprio per la struttura del corpo; inoltre, aumenta il rischio di aborto, per cui spesso si consiglia un calo ponderale significativo prima di iniziare il trattamento».
La difficoltà di concepire per le donne sovrappeso è dovuta alla riduzione dell’ovulazione che avviene quando l’indice di massa corporea (rapporto peso/altezza) è troppo elevato, probabilmente per squilibri ormonali causati dalla comparsa dell’insulino-resistenza, tipica del diabete, spesso legato all’aumento ponderale. Anche gli uomini sovrappeso hanno difficoltà a concepire perché il grasso in eccesso è collegato a bassi livelli di testosterone e spesso a livelli elevati di estrogeni, ormoni tipicamente femminili; la qualità del seme, inoltre, spesso è danneggiata dall’alta temperatura che negli obesi può raggiungere lo scroto.
La produzione di testosterone degli uomini sovrappeso può essere alterata anche dai frequenti disturbi del loro sonno, come le apnee notturne.

Fonte:
17 settembre 2011
, Il Secolo XIX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *