Nordic walking: due nuovi studi ne confermano l’attività bruciagrassi 20 ottobre 2014

Nordic walking: due nuovi studi ne confermano l’attività bruciagrassi

Nuove conferme per il nordwalking, sport consigliato dai medici per il trattamento dell’obesità, la riabilitazione di chi ha patologie cardiache e anche i portatori di pacemeker.

Le ulteriori conferme arrivano da due nuovi studi. Il primo, durato 8 settimane, è dell’European Society of Cardiology (ESC) che, sull’European Journal of Preventive Cardiology ha pubblicato i risultati di uno studio condotto su 111 malati, controllati a distanza 5 volte alla settimana. Gli Autori hanno concluso lo studio sottolineando la maggiore sicurezza ed efficacia – a scopo riabilitativo – del nordic walking, addirittura più del semplice camminare.

La seconda ricerca è stata pubblicata sul Journal of Human Kinetics e riporta i risultati ottenuti osservando un campione di 46 donne obese e in menopausa sottoposte a un allenamento di nordic-walking durato 10 settimane (10 minuti di riscaldamento, 40 minuti di camminata nordica, 20 minuti di ginnastica a corpo libero e 10 minuti di stretching). Tale attività fisica affina il punto vita, migliora il metabolismo e la forza dei muscoli. Il Nordic Walking, inoltre, allena e irrobustisce anche la parte superiore del torace al contrario di molte altre attività come corsa, bicicletta o camminate che tonificano soprattutto la parte inferiore.

 

Risorse correlate
Nordic e beach walking: passeggiare a passo sostenuto »

 

Fonti
– Ewa Piotrowicz et al – Home-based telemonitored Nordic walking training is well accepted, safe, effective and has high adherence among heart failure patients, including those with cardiovascular implantable electronic devices: a randomised controlled study. European Journal of Preventive Cardiology September 26, 2014

– Bartosz Trabka et al – Effect of a MAST Exercise Program on Anthropometric Parameters, Physical Fitness, and Serum Lipid Levels in Obese Postmenopausal Women. Journal of Human Kinetics volume 42/2013, 149‐155. Accepted for printing in Journal of Human Kinetics vol. 42/2014 on September 2014.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *