L’obesità, ostacolo alla fertilità 27 settembre 2011

Nel corso del Congresso Nazionale Pro-Fert, organizzato dalla Società Italiana di Conservazione della Fertilità che si è tenuto a Desenzano del Garda, sono stati diffusi i dati positivi riguardanti le nascite avvenute grazie alla fecondazione assistita, sia con la tecnica della crioconservazione degli ovociti, sia con la nuova tecnica, che consiste in un prelievo di tessuto ovarico con laparatomia e che consente di affrontare la gravidanza anche alle donne con gravi patologie, come i tumori.

Purtroppo, l’obesità costituisce un grave ostacolo alla fertilità, sia per le donne che per gli uomini, e sia per le gravidanze naturali che per quelle con le tecniche di procreazione assistita; lo testimonia il fatto che è in continuo aumento il numero di giovani donne obese che si rivolgono ai centri specializzati.

Andrea Borini, presidente di Pro-Fert e program director del congresso spiega: «Nelle donne obese, per esempio, diminuisce la capacità di produrre follicoli, occorrono dunque dosaggi più elevati degli ormoni che inducono l’ovulazione, con costi che lievitano e aumento dei casi di insuccesso e di aborto».

Il direttore della clinica Ostetrica dell’Università di Bologna, Nicola Rizzo, spiega: «Oggi si parla dei problemi legati alle gravidanze dovuti all’obesità perché nel mondo ci sono sempre più persone obese o sovrappeso; è ormai confermato dai dati più recenti che l’obesità può rendere infertili le donne e perfino vanificare le tenciche di procreazione assistita. E quando avviene la gravidanza, alle donne obese possono insorgere tre problemi: uno è la preeclampsia, ovvero una forte ipertensione nella seconda parte della gravidanza, con rischio di compromissione del rene e di perdita di albumina, uno dei casi più frequenti di morte in gravidanza.
L’altro problema è il diabete gestazionale, più frequente in donne sovrappeso; infine, la macrosomia, ovvero i feti di grandi dimensioni, con complicazioni al momento della nascita».

Fonte:
27 settembre 2011
, La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *