Praga, 7 maggio 2015. Siglata la “EASO 2015 Milan Declaration” 8 maggio 2015

La nuova “EASO 2015 Milan Declaration” verrà presentata ufficialmente al mondo scientifico e alla società civile il 6 giugno all’EXPO 2015.

 
“Da allarme OMS uno sprone ad agire.”
“L’allarme lanciato in queste mesi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sull’epidemia di obesità destinata a coinvolgere anche il nostro Paese, insieme a tutta l’Europa, è più che giustificato”, commenta Paolo Sbraccia, Presidente della Società Italiana dell’Obesità (SIO), che partecipa ai lavori del 22° congresso della Società Europea dell’Obesità (EASO), il congresso europeo sul tema, ECO2015, in svolgimento a Praga. “Già oggi il 40% degli italiani è obeso e il 10% in sovrappeso, ma basta guardare oltreoceano per rendersi conto di che cosa ci può attendere. Per questo motivo i rappresentanti di tutte le società scientifiche continentali hanno siglato oggi un documento che andrà sotto il nome di ‘EASO 2015 Milan Declaration’, volto a sensibilizzare i governi e le autorità sovranazionali ad agire rapidamente per arginare questo vero e proprio tsunami”, prosegue.

L’appello promosso da SIO ed EASO sarà presentato ufficialmente in occasione di una manifestazione che si terrà nel padiglione della Commissione Europea all’EXPO 2015 di Milano, sabato 6 giugno prossimo.

 
“EASO 2015 Milan Declaration”: novità e molti passi avanti rispetto al passato
“La ‘Milan Declaration’ vanta una lunga tradizione”, ricorda Michele Carruba, past president SIO. “Infatti, nel 1999, in occasione del congresso europeo sull’obesità che SIO organizzò a Milano, venne firmata dai colleghi europei e nordamericani la prima ‘Milan Declaration’ tesa a sollecitare nel mondo attenzione verso un problema che veniva considerato squisitamente estetico.” Da allora molta strada è stata compiuta, nel 2005, anche sotto la spinta di quella prima presa di posizione, la Commissione Europea diede vita alla Piattaforma UE sugli stili di vita e la corretta alimentazione, “oggi c’è maggiore sensibilità al problema, anche se si potrebbe e dovrebbe fare di più”, interviene Sbraccia.

“Il documento firmato a Praga – prosegue Carruba -, vanta un’importante e fondamentale novità rispetto alla Dichiarazione del 1999 ossia l’adesione della società civile, delle associazioni europee di persone malate di obesità, un grande passo avanti verso una maggiore consapevolezza che il problema esiste e deve essere risolto”.

 
Obesità: malattia e fattore di rischio
L’obesità è una malattia che è alla base di tutte le malattie cosiddette non trasmissibili come diabete, malattie cardiovascolari e molti tumori – conclude Sbraccia – e affrontarla e curarla è più di una necessità. Purtroppo, sino ad oggi gli strumenti a nostra disposizione sono stati pochi, ma guardiamo con attenzione alle ultime novità della ricerca.” Grande interesse, a questo proposito ha destato a Praga liraglutide, il nuovo farmaco iniettabile per la cura di obesità e sovrappeso recentemente approvato in Europa e che dovrebbe arrivare prossimamente anche in Italia.

 

Fonti

ECO2015 – 22nd European Congress on Obesity
– Comunicato stampa HealthComConsulting/ Diego Freri
Ufficio stampa SIO-Società italiana dell’obesità

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *