Uno stile di vita sano protegge dall’invecchiamento delle cellule 22 settembre 2013

invecchiamento pelleUn piccolo studio pilota, pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology, dimostra per la prima volta che uno stile di vita sano può allungare i telomeri, che sono le parti terminali dei cromosomi e controllano l’ invecchiamento.

Il primo autore dell’articolo, Dean Ornish, del Dipartimento di Medicina dell’Ucsf (University of California San Francisco) spiega: «I telomeri, formati da Dna e proteine, influenzano l’ invecchiamento delle cellule, proteggendo le estremità dei cromosomi, un po’ come le punte applicate ai lacci delle scarpe ne impediscono lo sfilacciamento».

La lunghezza dei telomeri indica l’età biologica, e il loro progressivo accorciamento è associato all’ invecchiamento cellulare, quindi, più i telomeri sono corti, più alto è il rischio di morte e di malattie correlate all’invecchiamento: cancro a seno, prostata, colon, polmoni, e malattie cardiovascolari, diabete, demenza, osteoporosi.

Lo studio è stato condotto su due gruppi di uomini, uno composto da 10 persone e l’altro, di controllo, da 25, tutti con diagnosi della biopsia di cancro alla prostata a basso rischio; i dieci del primo gruppo hanno modificato il proprio stile di vita, secondo le indicazioni dei ricercatori (alimentazione a base vegetale, moderato esercizio fisico, controllo dello stress con tecniche come la meditazione e lo yoga, supporto sociale), mentre quelli dell’altro gruppo sono stati soltanto sottoposti ai controlli di routine, lasciando inalterato lo stile di vita.
Dopo cinque anni, dal confronto fra la lunghezza dei telomeri dei partecipanti, all’inizio dello studio e alla fine, è emerso che fra gli uomini del primo gruppo, che avevano cioè modificato il proprio stile di vita, la lunghezza è aumentata del 10%, mentre in quelli del gruppo di controllo, era diminuita del 3%; l’allungamento è risultato maggiore tanto maggiore era stato il cambiamento dello stile di vita.

Commenta Ornish: «I risultati vanno al di là del cancro alla prostata; se confermati da studi controllati, su vasta scala, dimostrano che cambiando lo stile di vita si può ridurre il rischio di malattia e di morte prematura. I geni racchiusi nei nostri telomeri sono una predisposizione, non necessariamente il nostro destino. Finora nessuno studio aveva dimostrato l’effetto benefico dello stile di vita sui telomeri».

 

Fonte
Ornish D et al – Effect of comprehensive lifestyle changes on telomerase activity and telomere length in men with biopsy-proven low-risk prostate cancer: 5-year follow-up of a descriptive pilot studyThe Lancet Oncology, Early Online Publication, 17 September 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *