Cancro alle ovaie: il rischio aumenta nelle donne alte 12 aprile 2012

Una meta-analisi dell’Università di Oxford, condotta su 47 precedenti studi di 14 paesi diversi, conferma che il rischio di cancro alle ovaie aumenta nelle donne più alte di statura e in sovrappeso.
Valerie Beral, della Cancer Epidemiology Unit dell’Università di Oxford, che ha guidato lo studio, spiega: «È mettendo insieme le evidenze raccolte a livello mondiale che appare chiaro il rischio legato all’altezza».
Paul Pharoah, del Dipartimento di Oncologia dell’Università di Cambridge, osserva: «Se confrontiamo una donna di 1metro e 52 centimetri con una alta 1,67, per quest’ultima il rischio di cancro all’ovaio aumenta del 23%, quasi un quarto. In termini assoluti, però, la differenza è lieve: la donna più bassa nel corso della vita ha un rischio di ammalarsi pari a circa 16 su 1.000, che sale a 20 su 1.000 per la donna più alta. Una differenza simile può essere riscontrata anche confrontando una donna magra, con un indice di massa corporea (Bml) pari a 20, con una leggermente in sovrappeso, con un indice di 30».
Beral conferma il ruolo del peso nel rischio di tumori all’ovaio: «Dai risultati della nostra meta-analisi, il cancro alle ovaie può essere sicuramente aggiunto alla lista dei tumori legati all’obesità». Secondo lo studio britannico, per le donne alte e in sovrappeso aumenta il rischio di tumore alle ovaie, anche se dopo la menopausa non si sono mai sottoposte alla terapia ormonale sostitutiva.
La meta-analisi, pubblicata su PLoS Medicine, è stata condotta su oltre 25mila donne malate di tumore alle ovaie e oltre 81mila donne sane di controllo.

Fonte:
Collaborative Group on Epidemiological Studies of Ovarian Cancer – Ovarian Cancer and Body Size: Individual Participant Meta-Analysis Including 25,157 Women with Ovarian Cancer from 47 Epidemiological Studies. PLoS Med 9(4): 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *