Quale attività fisica durante la dieta chetogenica?

Quale attività fisica durante la dieta chetogenica?

Con la consulenza della d.ssa Emanuela Russo, dietista referente di Emotifood, Monza e dell’Equipe bariatrica presso INCO – Istituto Nazionale di Chirurgia dell’Obesità, Policlinico San Donato e Istituto Clinico S. Ambrogio di Milano

 

La dieta chetogenica per il trattamento dell’eccesso di peso si sviluppa secondo un programma strutturato in 4 fasi successive una all’altra in un ordine ben stabilito.
1. fase di dimagrimento (Dieta VLCD, Very Low Calory Diet), l’unica fase in cui si arriva allo stato di chetosi;
2. fase di transizione (Dieta LCD, Low Calory Diet), progressiva reintroduzione dei carboidrati;
3. 
fase di rieducazione alimentare (Dieta HBD, Hypocaloric Balanced Diet);
4. 
fase di mantenimento del peso (Dieta HBD di mantenimento), fase di equilibrio.
Durante questo programma, che ha una durata variabile da persona a persona, quale attività fisica è consigliabile per il paziente?

 

L’attività fisica e il movimento debbono sempre essere incoraggiati come parte di  uno stile di vita attivo e salutare. Ma quale tipo di attività e a quale intensità?
Dipende dalle caratteristiche individuali di ciascun paziente, dalla sua condizione generale e dalla fase della dieta in cui si trova.

 

  • FASE CHETOGENICA DI DIMAGRIMENTO (VLCD)
    Durante questa fase iniziale, all’avvio del programma nutrizionale si raccomandano brevi cicli di tonificazione muscolare (10 minuti al giorno per 3 volte a settimana), quando inseriti in un contesto di vita moderatamente attiva.
    Basta che il paziente si sforzi a camminare  un po’ di più o faccia le scale al posto di prendere l’ascensore, vada a piedi quando possibile, invece di prendere la macchina, scenda dall’autobus una fermata prima, porti più spesso il cane a spasso, etc.
    Questo semplice aumento di attività fisica sarà sufficiente per migliorare i parametri cardiocircolatori e mantenere un buon grado di elasticità cutanea.
    In questa fase, non è consigliabile un’attività intensa di tipo aerobico per la scarsità delle calorie introdotte con la dieta chetogenica.

 

  • FASE DI TRANSIZIONE E DI RIEDUCAZIONE (LCD)
    Durante la fase di transizione, quando vengono reintrodotti i carboidrati e vi è un aumento delle calorie giornaliere, è consigliabile che il paziente associ alla dieta un’attività fisica di tipo aerobico più intensa. Oltre a cicli di tonificazione muscolare, va benissimo una camminata veloce di almeno 30-40 minuti, due volte alla settimana o altro sport aerobico (molto adatta anche l’ acquagym) secondo un programma da concordare insieme al medico o al nutrizionista.

 

  • FASE DI MANTENIMENTO (HBD)
    Durante la fase di mantenimento, quando la dieta ipocalorica è più bilanciata, in genere si consiglia di eseguire una moderata attività fisica tutti i giorni, alternando l’attività aerobica con quella di tonificazione muscolare, per almeno 30-40 minuti ogni giorno.

 

 

References

– Castellana M, Conte E, et al – Efficacy and safety of very low calorie ketogenic diet (VLCKD) in patients with overweight and obesity: A systematic review and meta-analysisRev Endocr Metab Disord 2020 Mar;21(1):5-16

– Albanese A, Prevedello L, Markovich M, Busetto L, Vettor R, Foletto M – Pre-operative Very Low Calorie Ketogenic Diet (VLCKD) vs Very Low Calorie Diet (VLCD): Surgical ImpactObes Surg 2019 Jan;29(1):292-296

– Shivam Joshi, Robert J Ostfeld, Michelle McMacken – The Ketogenic Diet for Obesity and Diabetes-Enthusiasm Outpaces EvidenceJAMA Intern Med 2019 Jul 15

– Kristin L Harvey, Lola E Holcomb, et al –  Ketogenic Diets and Exercise PerformanceNutrients 2019 Sep 26;11(10):2296

– Yancy WS Jr, Mitchell NS, Westman EC – Ketogenic Diet for Obesity and DiabetesJAMA Intern Me  2019 Dec 1;179(12):1734-1735

– E Angela Murphy, Terrence J Jenkins – A ketogenic diet for reducing obesity and maintaining capacity for physical activity: hype or hope? Curr Opin Clin Nutr Metab Care 2019 Jul;22(4):314-319

– Muscogiuri G, Barrea L, et al – The management of very low-calorie ketogenic diet in obesity outpatient clinic: a practical guideJ Transl Med 2019 Oct 29;17(1):356

– Bolla AM, Caretto A, Laurenzi A, Scavini M, Piemonti L – Low-Carb and Ketogenic Diets in Type 1 and Type 2 DiabetesNutrients 2019 Apr 26;11(5):962

– Kuchkuntla AR, Shah M, Velapati S, Gershuni VM, et al – Ketogenic Diet: an Endocrinologist PerspectiveCurr Nutr Rep 2019 Dec;8(4):402-410

– Pilone V, Tramontano S, Renzulli M, et al – Metabolic effects, safety, and acceptability of very low-calorie ketogenic dietetic scheme on candidates for bariatric surgerySurg Obes Relat Dis. 2018 Jul;14(7):1013-1019

– Westman EC, Tondt J, Maguire E, Yancy WS Jr – Implementing a low-carbohydrate, ketogenic diet to manage type 2 diabetes mellitusExpert Rev Endocrinol Metab. 2018 Sep;13(5):263-272

– Gupta L, Khandelwal D et al – Ketogenic diet in endocrine disorders: Current perspectivesJ Postgrad Med 2017 Oct-Dec;63(4):242-251

Obesità Work in Progress –  Società Italiana dell’Obesità. Milano, 15-16 settembre 2017

Diabesità: non tutto il GRASSO vien per nuocerePisa, 5-6 ottobre 2017

– Leonetti F, Campanile FC, Coccia F, Capoccia D, et al – Very low-carbohydrate ketogenic diet before bariatric surgery: prospective evaluation of a sequential dietObes Surg 2015 Jan;25(1):64-71

– Gibson AA, Seimon RV, et al – Do ketogenic diets really suppress appetite? A systematic review and meta-analysisObes Rev 2015 Jan;16(1):64-76

– Antonio Paoli, Antonino Bianco, Keith A Grimaldi – The Ketogenic Diet and Sport: A Possible Marriage? Exerc Sport Sci Rev 2015 Jul;43(3):153-62

– Paoli A – Ketogenic diet for obesity: friend or foe? Int J Environ Res Public Health 2014 Feb 19;11(2):2092-107

 

 

 

 

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2021 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?