Io sono sempre stata obesa: ho paura di scoprire una nuova me, dopo l’intervento

Io sono sempre stata obesa: ho paura di scoprire una nuova me, dopo l’intervento

A cura della D.ssa Flavia Melchiorre**, psicologa e psicoterapeuta, Centro di eccellenza di chirurgia bariatrica diretto dal Dott. Ugo Bardi, Casa di Cura Salus, Battipaglia (SA)

 

Come si lavora dal punto di vista psicologico su questo aspetto?

L’immagine corporea è l’immagine che abbiamo nella nostra mente di com’è fatto il nostro corpo, la percezione delle sue dimensioni e i sentimenti che proviamo rispetto alle nostre caratteristiche; essa si costruisce nel tempo e “subisce” le modificazioni durante il corso della nostra vita. Parte dall’immagine riflessa nello specchio, ma acquista ulteriori significati a seconda del contesto culturale e sociale in cui si vive.

Quando una persona ha problemi di peso in eccesso fin dalla primissima infanzia l’immagine corporea che si costruisce è quella di una persona con obesità, supportata anche dall’ambiente familiare e sociale in cui vive che rimanderà la stessa immagine, a volte gravata anche da stigma e pregiudizi nei confronti del peso.

 

L’intervento bariatrico e la successiva repentina perdita di peso, se non resa consapevole durante il percorso, può creare problematiche di riconoscimento di sé stessi, per esempio si continua a comprare una taglia eccessiva di vestiti, pensando a sé sempre come persona con obesità. C’è un nuovo corpo, ma l’immagine corporea è ancora quella vecchia.

 

Anche la percezione del proprio corpo può essere sfalsata, per esempio si evita di passare per un tornello o di sedersi su una determinata sedia. E soprattutto possono permanere a lungo i sentimenti negativi rispetto al peso in eccesso, la sensazione di essere inadeguati, non sentirsi accettati, mentre gli altri notano positivamente i cambiamenti. Talvolta, si finisce perfino per non credere agli altri e rifugiarsi di nuovo in sé stessi.

 

In questi casi, il paziente dev’essere maggiormente supportato e sostenuto da uno psicologo o uno psicoterapeuta specializzato nella cura dell’obesità in particolare nel post intervento durante la scoperta di una sua nuova immagine corporea e dei sentimenti che ne derivano.

 

 

LEGGI ANCHE

– Chirurgia dell’obesità: qual è il ruolo dello psicologo prima e dopo l’intervento? »

– L’obesità e il bisogno di nutrirsi. Come si collegano questi due aspetti? »

 

 

**Dott.ssa Flavia Melchiorre
Psicologa, Psicoterapeuta, Mediatrice Familiare

Dopo la laurea in Psicologia alla Federico II ha frequentato la Scuola quadriennale di Specializzazione in Psicoterapia Relazionale, presso l’Istituto di Medicina e Psicologia Sistemica di Napoli (IMePS), dove, conseguito il titolo, è rimasta come membro dello staff dei docenti. Presso lo stesso Istituto ha conseguito il diploma di Mediatrice familiare.
Dal 2015 si occupa di obesità, ed è membro, come psicologo, dell’equipe multidisciplinare di chirurgia bariatrica presso il Centro d’eccellenza SICOB della Casa di Cura Salus di Battipaglia (SA), guidato dal Dott. Ugo Bardi. In questo contesto è impegnata a seguire i pazienti lungo tutto l’iter bariatrico, dalla preparazione per l’interventoai follow up post operatori, passando per i gruppi di counselling e valutazione per la chirurgia plastica  ricostruttiva. È membro della Sezione Soci Affini della Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità (SICOB).
Presso la stessa struttura, la Casa di Cura Salus, segue a livello ambulatoriale i pazienti oncologici.
È membro del comitato di redazione della rivista dell’Ordine degli psicologi della Regione Campania.
Esercita la libera professione a Ercolano – Napoli.

Per maggiori informazioni: 3209098351 – flavia.melchiorre@libero.it – www.facebook.com/flaviamelchiorrepsicologa

"Poter vivere una vita normale... non una vita a metà"

Filo diretto


Link utili

Unavitasumisura.it © 2011 - 2021 Tutti i diritti riservati
Con il contributo non condizionante di Johnson & Johnson Medical S.p.a.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?