Speciali UVSM

Quanto conta la motivazione del paziente 12 febbraio 2018

Intervento del Dr. Giuliano Sarro, Direttore U.O.C. – Chirurgia Generale, Magenta – Abbiategrasso – ASST Ovest Milano

 

Il Centro di Chirurgia dell’Obesità (chirurgia bariatrica) del Presidio Ospedaliero di Magenta-Abbiategrasso nell’ambito dell’ASST Ovest Milano è un Centro di Eccellenza con una vastissima esperienza clinica e chirurgica. È attivo in entrambi i Presidi da ben 23 anni di esperienza. Abbiamo chiesto al Direttore, Dr. Giuliano Sarro, quanto conti la motivazione del paziente per affrontare un intervento di chirurgia bariatrica.

 

“La motivazione del paziente è sempre molto importante. Il paziente che pensa di fare l’intervento perché pensa di ottenere un calo di peso più comodamente o con meno fatica, sicuramente NON è il paziente che parte con il piede giusto e l’indicazione corretta e noi clinici lo vediamo nei risultati, meno soddisfacenti nel corso del tempo.

Pazienti fortemente motivati, che hanno capito che l’obesità è una malattia, hanno l’atteggiamento e la motivazione corretta; ogni volta che si presenta un paziente nei nostri Ambulatori, gli chiediamo: “Come ti consideri? Sano o malato?” Se si considera sano, bisogna farlo ragionare perché non è vero. L’obesità è una malattia cronica; un paziente sano non si fa sottoporre a un intervento chirurgico.

La corretta motivazione del paziente è uno dei concetti fondamentali che monitoriamo sin dalla prima visita. Non esiste una chirurgia di comodo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *